Lilli Lehmann

Lilli LehmannElisabeth Marie Lehmann (1848-1929), ebbe una folgorante carriera che la portò a cantare più di 170 ruoli in 119 opere in tutta Europa e in lunghe tournée in America: nata in una brillante famiglia di musicisti nella Germania guglielmina, cresciuta ed educata al canto dalla madre arpista e cantante, con l’amata sorella Marie anch’ella cantante, fu amica di poeti e musicisti, come Richard Wagner (e prima interprete in molti ruoli delle sue opere, insuperata Brünnhilde e Isolde), e favorita da re, regine, principi e imperatori, insignita di croci al merito e nomine a vita come Kammersängerin.

Fu donna di cultura influente e impegnata: contribuì alla fondazione del Festival di Salisburgo, assumendone anche la direzione artistica, e divenne una delle più attive sostenitrici dell’Università del Mozarteum. Verso la fine degli anni ‘90 del 1800, ancora in carriera, si dedica con passione all’insegnamento (tra le sue allieve più famose Geraldine Farrar, Olive Fremstad, Viorica Ursuleac, Emmy Krüger, Germaine Lubin). Si ritirerà definitivamente dalle scene nel 1920, conducendo una vita sobria e semplice nella sua casa di campagna a Scharfling sul Mondsee, vegetariana convinta, come il suo amico Wagner, e animalista impegnata, circondata da mucche e caprette e dal suo amato cane Baby.

Nel 1902 pubblica a Berlino Meine Gesangskunst, che avrà numerose riedizioni e sarà tradotto in inglese e francese. Questa è la prima traduzione in lingua italiana.


Collana Il Canto e le Voci: Il Canto. Arte e Tecnica