HERMANN BAHR | ANTISEMITISMO Un'intervista internazionale (1893)

Hermann Bahr | AntisemitismoCollana Il sonno della ragione | 2017 | pp. 236 | ISBN 9788898630295 | brossura | € 16,00

Con un articolo di Ezio Mauro e un saggio di Konstanze Fliedl

A cura di Erik Battaglia

Così Hermann Bahr, nella sua Introduzione: «Io dunque non “confuterò” in alcun modo l’antisemitismo, cosa che è stata fatta mille volte ed è sempre vana. Chiedo semplicemente con quali sentimenti le persone istruite delle diverse nazioni si pongano nei confronti di questo spettro che si aggira tra i popoli, e che risposte ne traggano. Forse in futuro questo risulterà essere un curioso documento sulla condizione dello spirito umano nel 1893.»

E lo è, oltre 120 anni dopo, soprattutto alla luce (o all’ombra) di ciò che è successo nel secolo scorso e di ciò che minaccia sempre di succedere ancora, si chiami esso antisemitismo o intolleranza verso l’altro, in ogni sua forma. Nell’articolo qui ripubblicato a guisa di prefazione, Ezio Mauro traccia perfettamente il senso di questo incombente eterno ritorno, e ricostruisce in una bruciante analisi dell’esistente le fasi dei fatali esiti di ogni movimento irrazionale fondato sulla paura e il conseguente annullamento dell’umanità altrui.
La necessità di chiarire a se stesso (non senza la volontà di espiare un passato di antisemita wagneriano per altrui convinzione) e agli altri le origini politiche, storiche, psicologiche e persino estetiche del fenomeno antisemita spinge Bahr a intraprendere questo tour di interviste europee. Uomini politici, accademici, scrittori, artisti, da Mommsen a Daudet, da Séverine a Ibsen: le loro opinioni in merito vengono raccolte da Bahr e inserite nel contesto della sua superba prosa descrittiva. Lo spirito del tempo di luoghi, città, quartieri, persone, eventi aleggia intorno alla rigorosa trascrizione giornalistica delle parole pronunciate, e fornisce un humus verbale e ideale alla potenzialità del male e alla reazione necessaria, e spesso fatalmente vana, al suo dilagare.

Hermann Bahr (1863-34) fu il fautore del movimento «Jungwien», che negli anni ’90 dell’Ottocento, dai tavoli del Café Griensteidl di Vienna, teorizzava e dava voce alle nuove tendenze della letteratura austriaca e tedesca (Hofmannsthal, Schnitzler, Altenberg tra gli altri) partendo dalle posizioni del Naturalismo e cercando di superarle in un processo (influenzato dalla psicanalisi nascente) che in breve porterà all’Espressionismo. Fu autore di un enorme numero di saggi letterari, studi monografici, indagini sociologiche, romanzi e drammi. Studente ribelle e rivoluzionario, in gioventù visse i suoi anni dell’irrequietezza con vigore eroico, nell’esaltante contesto bohemién della Vienna e della Parigi di fine secolo. Nel contesto di quello che egli considerava «Impressionismo» dell’uomo decadente, soggetto alla tirannia dei nervi e delle passioni, egli visse tutti gli stadi del fenomeno antisemita tardo-ottocentesco e di inizio Novecento. Dalle intemperanze giovanili passò a posizioni sioniste e filo-semite, soprattutto in considerazione del suo rapporto di grande amicizia con Theodor Herzl, poi tornò a una visione ambiguamente critica, e fu la morte nel 1934 a salvarlo da un probabile atteggiamento di senile e nostalgica  irrisolutezza verso il nazismo. Le fasi di questa complessa convivenza di Bahr con il mostro antisemita sono acutamente ripercorse da Konstanze Fliedl nel saggio tradotto in appendice.


DELLO STESSO AUTORE

HERMANN BAHR | IL CONCERTO HERMANN BAHR | IL POVERO PAZZO    

LEGGI UN ESTRATTO


Non riesci a visualizzare il documento? Clicca qui