STEFAN ZWEIG | L'OBBLIGO con dieci tavole originali di Frans Masereel

cop ISBN Obbligo

Collana Frans Masereel | In uscita: ottobre 2018 | pp. 120 | ISBN 9788898630387 | brossura | € 16,00

Traduzione e postfazione di Luca Sanfilippo

Scritta in piena prima guerra mondiale, la novella L’obbligo (Der Zwang) analizza il sentimento di sottomissione alla patria e alla macchina dello Stato. Un pittore tedesco si trova nella Svizzera neutrale quando viene raggiunto da una cartolina militare che gli ingiunge di tornare al suo paese e prepararsi a partire per il fronte. Con la consueta abilità nello scandaglio psicologico Zweig ci presenta i pensieri e gli stati d’animo del protagonista e il confronto aspro con la sua compagna, una pacifista radicale.

Egli sente il filo della propria vita mentre viene tirato alle estremità da due forze sovrumane e il suo unico desiderio è quello di spezzarsi nel mezzo.
Le riflessioni di Zweig sulla guerra e sull’artificialità di patrie e confini dialogano con gli argomenti «disfattisti» del circolo ginevrino del premio Nobel Romain Rolland, con il pensiero tolstojano e con le prime istanze del movimento delle donne. Oggi, tra sovranismi riesumati ed egoismi nuovamente sbandierati, queste considerazioni ritrovano una loro attualità.

Le belle illustrazioni originali concepite a casa Zweig precisamente cento anni fa dall’amico incisore Frans Masereel ci trasportano sul luogo dell’azione della novella e nel contesto artistico e culturale dell’epoca.


Nato a Vienna nel 1881, Stefan Zweig è stato un timido e tormentato scrittore di successo. Autore di biografie, pièces e novelle, tutte molto lette e vendute, ha attirato l’invidia e il disprezzo dei grandi scrittori della sua epoca. In fuga prima a Londra e poi in Sud America a causa dell’affermazione del nazismo, l’ebreo Zweig voleva continuare a essere un cittadino europeo e un apostolo della fratellanza universale fra gli intellettuali anche in un momento storico in cui ciò non era più possibile. Lontano dall’Europa e dalla propria cultura, lo scrittore si è dato la morte insieme alla sua compagna nel 1942 in una cittadina sperduta dall’altra parte del mondo.

Grafica e impaginazione: Alessandra Albano



 LEGGI UN ESTRATTO


Non riesci a visualizzare il documento? Clicca qui