C.3.3 [OSCAR WILDE] | LA BALLATA DEL CARCERE DI READING | Incisioni di Frans Masereel

cop ballata del carcere di reading Oscar Wilde

Collana In transito | novembre 2020 | pp. 136 | ISBN 9788898630493 | brossura | € 20,00

Incisioni di Frans Masereel

Con il testo originale

A cura di Luca Sanfilippo

Pubblicata per la prima volta nel 1898, La Ballata del carcere di Reading è un’opera che non si lascia classificare; un’opera capace di trovarsi un pubblico sempre nuovo. Poema sull’amore maledetto, storia gotica con spettri e catene, via Crucis e Passione di un uomo, la Ballata è anche denuncia contro la pena di morte e poesia militante contro la violenza della prigione. Sono versi che parlano a tutti - galeotti e secondini, folli e farabutti - con la verità del dolore e la pietà per un destino comune. Una ballata carceraria in una nuova traduzione con rime e ritornelli; un testo da dire più che da leggere; una storia da raccontare ad alta voce dinanzi al fuoco in una sera d’inverno.


C.3.3.

Distrutto da uno scandalo sessuale e da una condanna a due anni di lavori forzati, Oscar Wilde subì dalla società vittoriana una chiusura feroce: il suo nome venne tolto non solo dai cartelloni dei teatri londinesi, ma anche ai suoi figli. Scelse allora di firmare quest’opera soltanto con la sigla C.3.3., il numero della cella a lui assegnata nel carcere di Reading. Così, mentre sembrava assecondare il processo di rimozione in corso sulla sua persona, l’autore lanciava un nuovo guanto di sfida alla società inglese rivendicando provocatoriamente il suo status di galeotto.
Frans Masereel
Le belle xilografie di Frans Masereel, pubblicate ora per la prima volta in Italia, furono realizzate per un’edizione illustrata della Ballata uscita in Germania nel 1923. Esse scandiscono il ritmo della vicenda e ci aiutano a entrare nell’universo carcerario vissuto dal poeta visualizzandone l’angustia, il degrado e la durezza inumana.

Grafica e impaginazione: Alessandra Albano



 LEGGI UN ESTRATTO


Non riesci a visualizzare il documento? Clicca qui