IL LIED TEDESCO IN ITALIA Elio Battaglia e la Scuola Hugo Wolf: Mantova-Acquasparta-Torino 1973-2008

Il Lied tedesco in Italia

| 2011 | pp. 120 | ISBN 9788890571336 | cartonato con sovracoperta | € 25,00

 

A cura di Milena Dolcetto | Prefazione di Dino Pambianco

Così, liberi e felici, in un luogo in cui lo spazio è l’Italia non corrosa e il tempo è qualcosa che non distrugge, ci siamo sentiti anche noi. Brevi i soggiorni, ma viva la sensazione di essere finalmente parte del pensiero e della civiltà d’Occidente. (Quirino Principe)

Ripercorrere 35 anni di una storia importante. La storia del Lied in Italia. Curarne un volume e cesellare con lavoro paziente il materiale a disposizione. Scegliere e scartare, cercare e integrare. E ancora trovare giustificazione di un’impostazione chiara e comprensibile, che sia di utilità storica e che mantenga anche l’aspetto emozionale. Perché sì, questo è un libro di ricordi e di vita vissuta, di amore eterno e di studio incessante. Ed è anche un volume storico che analizza un percorso fondato su un credo molto solido, quello di Elio Battaglia, che con il suo lavoro di didatta illuminato e competente è riuscito a creare nella nostra penisola un paradisiaco e fruttuoso ambiente di ricerca e approfondimento. Ne è sorta fulgida e illuminante una Scuola verso la quale il mondo culturale musicale italiano ha un grande debito.

Questa pubblicazione vuole essere testimonianza concreta di come un uomo d’Arte, colto e sensibile, sia riuscito a gettare le basi per un nuovo modo di insegnare il Canto e come queste basi si siano pian piano consolidate e ampliate, abbiano trovato discepoli, preparato cantanti e pianisti che ora nel mondo raccolgono i meritati consensi, abbiano formato nuovi e consapevoli docenti di canto nelle cattedre dei Conservatori e delle Accademie, ma, ancor più importante, abbiano offerto la gioia di assaporare il vero, onesto e altissimo spirito della Musica. Il volume racconta questa storia per capitoli partendo dall’attività dei primi corsi per cantanti e pianisti collaboratori iniziata a Mantova ai quali sono seguiti gli anni di intensa progettualità della Scuola Hugo Wolf ad Acquasparta. Fondamentale spazio è dedicato all’estetica di Elio Battaglia e un capitolo non poteva non contenere lettere e ricordi, attestazioni di stima, espressione di affetto sincero, arrivati da tutto il mondo a testimonianza indelebile dell’importante lavoro del Maestro.

Un accenno alle pubblicazioni di Elio Battaglia diventa utile compendio per guidare chi volesse approfondire i suoi insegnamenti. Il capitolo della rassegna stampa propone una scelta di articoli che mette in luce l’attenzione e il grande successo che l’attività trentennale di questo corso internazionale ha raccolto anche dalla critica specializzata. E le foto. Dove chi c’è stato si rivedrà impegnato nel concerto finale, riporterà alla mente le lezioni dei grandi docenti, le master, l’insegnamento di Elio Battaglia e degli insegnanti che ha scelto e formato, la passione, la fatica, le tante gioie e i momenti di sconforto. E non poteva mancare il soffermarsi della penna e del cuore su Dietrich Fisher-Dieskau e Christa Ludwig che hanno con la loro sapienza illuminato la Scuola. E poi Acquasparta che di questo miracolo è stato fulcro insostituibile, con le sue dolci colline, con Palazzo Cesi e con i suoi straordinari abitanti.

Progetto grafico: Fancy grafica - Rovigo