Investigando la musica (Guide Supereva, genn. 2009, A. Bedetti)

Abbiamo già avuto modo di parlare della lodevolissima iniziativa portata avanti dal Centro studi Eric Sams e dalle Edizioni Analogon, che si sono prefissati il compito di far conoscere e divulgare l’opera del grande musicologo e crittoanalista britannico scomparso nel 2004, recensendo due dei quattro volumi finora pubblicati dalla piccola casa editrice astigiana.

Ora, completiamo il panorama delle pubblicazioni, presentando i due restanti titoli, il primo, dal titolo “Variazioni con enigma svelato”, e l’altro, “Introduzione ai Lieder di Brahms”, dedicato appunto alla produzione liederistica del sommo compositore di Amburgo (nel disegno che si vede a fianco). Cominciamo, appunto, da quest’ultimo, che è da considerarsi come uno dei contributi più alti, più indispensabili per comprendere non solo il Brahms liederistico, quello falsamente “crepuscolare” (come vorrebbe una certa prassi interpretativa), ma soprattutto per indagare l’uomo Brahms nel suo approccio compositivo, nell’isolare e vagliare, con la debita attenzione, quei “motivi” musicali capaci d’impregnare il tessuto lessicale e poetico delle sue opere.

Immagine della copertina del libroAnche in questo specifico caso, il contributo di Eric Sams è a dir poco esemplare (unita ad una calzante introduzione e all’attenta traduzione effettuate da Erik Battaglia). La sua capacità di sezionare passaggi, accordi, parole, simboli presenti nel vastissimo universo brahmsiano ha qualcosa di stupefacente, un processo intellettivo e culturale che ricorda i molteplici meccanismi di un orologio, ingranaggi che, una volta messi in moto, fanno affiorare davanti ai nostri occhi scorci ermeneutici che prima erano custoditi gelosamente dalle tenebre dell’indistinto e dell’indeterminato. Ciò che disarma il lettore è che l’indagine musicologica di Sams, mai separata dall’aspetto professionale del crittoanalista, si basa appunto su istanze fattive, votate ad una manifesta prassi contenutistica, mai infiorettata da speculazioni dal sapore stucchevolmente metafisico. Numeri, parole, calcoli, deduzioni fulminanti sono ciò che offre Eric Sams a chi avrà la lungimiranza di leggerlo e assimilarlo, ricevendo in cambio supremi altipiani di conoscenza e delucidazione musicale e letteraria. Dopo aver letto questo libro, la visione del compositore tedesco non sarà più prima, neppure tra i più accaniti brahmsiani.

Ma come si è detto all’inizio, le Edizioni Analogon hanno pubblicato un altro gioiello della vasta produzione di Eric Sams, quello che raccoglie diversi saggi dedicati principalmente a Elgar e a Schubert, come vedremo nella seconda parte.

Eric Sams, “Introduzione ai Lieder di Brahms”, Edizioni Analogon, pp. 176, euro 18,00


Leggi l'articolo sul sito Guide Sepereva