Una piccola grande casa editrice (Guide Supereva, dic. 2008, A. Bedetti)

Abbiamo già avuto modo, con alcuni interventi precedenti, di parlare a proposito di due benemerite iniziative volute dal M° Erik Battaglia e dal soprano Valentina Valente, più precisamente quelle che riguardano il sito Internet “The Lieder Sound Archive” (link: http://www.liedersoundarchive.org), che permette a curiosi e ad appassionati di scaricare gratuitamente più di 360 Lieder creati da cinquanta compositori, da Mozart fino a Schönberg, e il sito che concerne il Centro Studi “Eric Sams” (link: http://www.ericsams.org), dedicato, appunto, al grande musicologo e crittografo britannico.

Logo della casa editriceOra, per completare la doverosa presentazione delle iniziative portate avanti con passione, sacrificio e competenza dall’intraprendente coppia di artisti, è la volta della loro piccola casa editrice, con sede ad Asti, alla quale hanno dato vita, le “Edizioni Analogon”, sorta nel novembre 2007 (nell’immagine il suo logo), link: http://www.liedersoundarchive.org/analogon.htm, che ha in catalogo alcuni testi e raccolte di saggi scritti proprio dal compianto Eric Sams, tra cui quelli intitolati “Il tema di Clara” e “Hugo Wolf - Introduzione alla vita e alle opere”, entrambi tradotti e curati dal M° Battaglia, che dell’insigne studioso britannico è stato amico e confidente.

La coppia di musicisti romanticiSe il nome della casa editrice richiama il termine greco di “analogon” (ossia “secondo ragione”, come insegna l’etimologia del lemma), allora il primo dei due volumi, “Il tema di Clara”, rappresenta la debita applicazione di tale metodo in termini d’investigazione intellettuale, in quanto il musicologo inglese grazie non solo alle sue straordinarie conoscenze letterarie e musicali, ma anche alla specializzazione in crittografia, riuscì a scoprire, nella prima metà degli anni Sessanta, la presenza di codici cifrati presenti nelle opere di uno dei sommi compositori dell’era romantica, Robert Schumann (nell’immagine, con la moglie Clara in un disegno dell’epoca).

Così, pagina dopo pagina, il lettore viene accompagnato per mano da questo colosso dell’erudizione e portato a scoprire, attraverso un rigoroso sentiero percorso “secondo ragione”, questi codici cifrati, tra cui quello che si cela dietro il cosiddetto “tema di Clara”, un motivo musicale di cinque note, che Schumann utilizzò quale omaggio di sconfinato amore e ammirazione per la moglie, straordinaria donna e pianista. È semplicemente meraviglioso constatare la capacità di Sams non solo nel decifrare, ma soprattutto nel dedurre, in un incredibile gioco di incastri linguistici e musicali, le sue scoperte, arricchite, all’interno del volume in questione, da altri mirabili saggi dedicati sempre al grande compositore tedesco, ai suoi Lieder e allo stretto rapporto tra la sua arte, la malattia fisiologica (la lesione alla mano destra) e quella psichiatrica, che lo portò precocemente alla morte nel 1856. Ma lo “scrigno delle meraviglie” di Eric Sams vanta, come vedremo nella seconda parte, tra l’altro un prezioso contributo per un altro immenso e sfortunato compositore, il “re dei Lieder” Hugo Wolf.


Leggi l'articolo su Guide Supereva - Musica Classica